TESORI IN SOFFITTA

libro in soffitta.jpg

Facendo ordine nella soffitta di casa, mi sono imbattuta in un vecchio libro.

La contessa di Montes, scritto da Francesco Mastriani.

Ho deciso di leggerlo, perché le cose non accadono mai per caso.

Prima di tutto ho fatto una ricerca per capire chi era Francesco Mastriani, poi ho iniziato a leggerlo.

Devo dire, che mi ha portato indietro nel tempo. Cosa molto importante, perché io ritengo che quello che siamo oggi lo dobbiamo a chi ci  ha preceduti. E’ necessario ogni tanto fare un tuffo all’indietro. Sto ancora leggendo il libro, devo dire lettura interessante, ma quello che mi piace, al di là del racconto, è il modo di scrivere che mi ha colpito, il nostro linguaggio si è modificato nel tempo, riscoprire il loro linguaggio mi piace.

Leggendo la biografia, in internet, ho scoperto da dove proviene viene la frase “mi sembri la cieca di sorrento”, da noi molto usata. E’ il titolo di un libro scritto proprio da Mastriani e la contessa di montes ne è il continuo. Per me è stata propria una bella scoperta.

Sempre in internet ho scoperto che Mastriani è presente in facebook.

Nella libreria: OPENLIBRARY potrete leggere dei libri direttamente dal web.

Scoprite la bellezza di questo scrittore italiano e Napoletano.

 

Scopriamo chi era Francesco Mastriani.

 

Mastriani Francesco.jpgFrancesco Mastriani ,

nacque a Napoli il 23//11/1819 dove visse fino alla morte avvenuta il 7/1/1891, scrittore di successo ,inoltre fu drammaturgo e giornalista. Mostrò fin dagli esordi letterari grande attenzione nei confronti delle classi subalterne napoletane. Benché la sua narrativa, pittoresca e consolatoria (ma non corriva), non abbia quasi spessore politico (per lui si è parlato di un generico socialismo cristiano e di «basso romanticismo»), diede un grande contributo alla nascita del meridionalismo e gettò le basi per la nascita del verismo. Continua.

 

TESORI IN SOFFITTAultima modifica: 2010-07-12T07:30:00+00:00da starsally
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “TESORI IN SOFFITTA

  1. Uno scrittore mio conterraneo… non ho letto il libro “La cieca di Sorrento” ma credo di aver visto un film e sicuramente una piece teatrale, chiaramente secoli fa.
    Sono d’accordo con te… noi siamo il frutto della storia , quindi di chi ci ha preceduti.

    Un saluto Starsally e buon proseguimento di settimana!

Lascia un commento